Cinzia Magaddino

Info

Psicomotricista e neuropsicomotricista, alla base della sua prassi professionale c’è la metodologia psicomotoria terapeutica di Anne Marie Wille, appresa presso l’Istituto di Psicomotricità di Milano e arricchita da una formazione personale intesa sin dall’inizio come continua, riguardante sia il movimento, la gestualità e il linguaggio non verbale, sia l’ambito relazionale, sia altre metodologie specialistiche di valutazione e di intervento, per bambini e per adulti.

Da circa venti anni svolge libera attività di psicomotricità educativa, preventiva e terapeutica, presso scuole, dal nido alle superiori (Istituto Psico-pedagogico), in ospedale e in centri di cura specialistici pubblici e privati. Via via la sua attività professionale è andata concentrandosi in ambito terapeutico, presso l’Istituto di Psicomotricità di Anne M. Wille di Milano.

Ha lavorato con gruppi di genitori e bambini (centri territoriali sociali del comune di milano) e si è anche occupata di formazione psicomotoria per educatori e insegnanti di nido e scuola materna nell’ambito di progetti regionali.

Ha tenuto seminari sulla corporeità nella schizofrenia, sull’espressione grafopittorica e sulla grafomotricità, e sull’intervento terapeutico e educativo con il bambino autistico.

Nel corso della sua attività professionale ha approfondito e sviluppato il proprio intervento terapeutico soprattutto nell’ambito del Disturbo dello Spettro dell’Autismo, dei Disturbi dell’Apprendimento della lettoscrittura, dei Disturbi dello Sviluppo della Coordinazione Motoria, dei Disturbi della regolazione emotiva-affettiva e del comportamento dirompente, e nel campo del Rilassamento terapeutico per bambini e per adulti.

Nata a Palermo, dopo gli studi classici si orienta quasi da subito in direzione di una ricerca personale sulla complessità della persona, sul linguaggio non verbale e sull’espressione e la comunicazione artistici.

Giunge a considerare come questi aspetti  possano  contribuire all’equilibrio psicosomatico della persona e incidere  sulla qualità della vita, sul livello socio- culturale e politico della società (anni ’80).

Dopo le prime esperienze di formazione e di lavoro nel campo dell’animazione socio-culturale  (interventi professionali  nelle scuole, in centri sociali, in case di vacanza per bambini e adolescenti), studia la formazione dell’attore. In seguito lavora  come attrice, danzatrice e corista con registi internazionali e con la musicologa G. Marini.

Si rende conto che il suo interesse non è il prodotto teatrale ma è il processo che lo costituisce, fatto di studio, di ricerca, di conoscenza di sè e  di  crescita personale e di gruppo (sopra a tutti la metodologia di costruzione del personaggio del belga  Thierry Salmon).

Incontra per la prima volta il mondo del bambino con bisogni speciali, come oggi si direbbe, e entra a far parte, come educatrice, dell’équipe neuropsichiatrica infantile impegnata nella presa in carico di bambini disabili, di adolescenti e delle loro famiglie (Alcamo - PA, anni 1985-90).

Gli interventi di cui si occupa hanno lo scopo di  promuovere la relazione e la socializzazione di questi bambini nell’ambiente di appartenenza e con i pari, realizza così progetti educativi e di animazione, mostre e  spettacoli che coinvolgono  la scuola,  il territorio e le famiglie.

Qui fa esperienza del  lavoro di équipe (un lavoro che include la diagnosi neuropsichiatrica,  le cure mediche e terapiche specifiche - logopedia, psicomotricità, fisioterapia, psicoterapia - , il sostegno  scolastico e pedagogico, l’assistenza sociale) e soprattutto viene in contatto con l’autismo infantile, e con le specifiche necessità educative,  riabilitative e terapeutiche.

Trasferitasi a Milano (anni ’90), l’interesse per l’equilibrio psicosomatico della persona e per la salute mentale  la porta a lavorare  in campo psichiatrico per circa dieci anni, come consulente educatrice e come  consulente arteterapeuta, a vari livelli: interventi domiciliari con giovani schizofrenici, nei C.P.S. (Centri Psicosociali delle ASSL), in S.P.D.C. (Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura) dell’Ospedale Fatebenefratelli, in ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini (progetti sperimentali presso l’ex ospedale e sul territorio), nella prima casa-comunità in Milano per persone ex pazienti dell’Ospedale Psichiatrico P. Pini (Comunità Zoe).

In questi anni integra l’esperienza lavorativa con corsi di approfondimento nel campo delle psicosi infantili e adulte, e sviluppa   la sua formazione nel campo delle artiterapie: la  danza (tra le varie metodologie apprese è da citare su tutte l’Expression primitive di H. Duplan), l’espressione grafopittorica, l’uso del suono e del ritmo.

Entra in contatto con la realtà educativa e terapeutica  di alcuni bambini autistici prestando la sua opera, in collaborazione con l’équipe neuropsichiatrica di riferimento,  in modo specifico nell’ambito della loro quotidianità, familiare (intervento domiciliare con i genitori e i bambini) e scolastica (presso nido e scuola materna che gli stessi bambini frequentano).

 

Il suo interesse per il movimento e per la corporeità la fanno  entrare in contatto con la psicomotricità e conosce Anne Marie Wille (1998). Qui presso l'omonimo Istituto porta a termine la formazione in psicomotricità, formazione che è andata ben oltre al suo arco triennale grazie al fitto scambio di esperienze consentito dai contatti con l'Istituto.

Nel frattempo consegue presso l'Università la laurea in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva.

Approfondisce con un  master biennale post laurea le metodologie del  rilassamento terapeutico per il bambino e per l’adulto (Schultz, Jacobson, Soubiran, Bérges).

I suoi interessi formativi e professionali  avviatisi dalla ricerca espressiva  e dalla globalità  della persona, nel tempo giungono così a concentrarsi sui  particolari bisogni del bambino, proprio in quanto bambino e non piccolo adulto,  in rapporto all’evolversi della società moderna e della famiglia.

Dietro appuntamento siamo disponibili per colloqui informativi sulla terapia psicomotoria e sui nostri corsi e seminari
Prenota un appuntamento


Istituto di Psicomotricità P.IVA 04626420154 - Via P. Rossi, 96 - 20161 Milano - Tel. 02/6469874 Fax 02/66200304